Home / Deborah la guerriera

Deborah la guerriera



Mi chiamo Deborah ho quasi 19 anni, mi sono ammalata di leucemia all’eta’ di 17 anni…il 28 marzo 2013! Ricordo ancora tutto come se fosse stato ieri e quel mio primo giorno al S. Gerardo di Monza. Nonostante mi fossi auto diagnosticata la leucemia ero molto impaurita, la parola leucemia mi spaventava tantissimo e ci ho messo forse circa 6 mesi prima di riuscire a pronunciarla!

La malattia ti fa crescere velocemente, maturare e ti fa capire quanto sia importante tutto ciò che fino a quel momento è sempre stato scontato! Purtroppo la mia leucemia si rivelò un pò più grave del previsto: dopo un po dall’inizio delle terapie il mio midollo non si puliva completamente dalle cellule malate, quindi mi hanno sottoposta ad un trapianto di midollo osseo. Grazie al cielo mia mamma era compatibile al 100% perciò ho fatto il trapianto e ho aspettato ansiosamente che il midollo attecchisse. Ad oggi è passato un anno , sto bene e conduco una vita normale con vari controlli in day hospital. Nella sfortuna mi ritengo una persona fortunata perchè durante il mio percorso ho incontrato delle persone fantastiche ..dai dottori, agli infermieri e altri pazienti. Siamo diventati come una grande famiglia! E anche perché purtroppo c’è gente che aspetta un midollo dalla banca mesi e mesi per avere una compatibilità piuttosto alta, invece io ce l’avevo in casa. I miei amici mi chiamano guerriera e di certo non poso le mie armi  ora come guerriera voglio anche coinvolgere tutti in questa battaglia.

La mia è stata un’esperienza positiva ma ci sono persone che purtroppo non ce l’hanno fatta. La mia voglia di parlarne nasce proprio dal desiderio che nessuno si debba mai trovare a sentirsi come mi sono sentita io allora. Chi vuole può anche donare il proprio midollo, niente di fantascientifico, adesso esiste anche una procedura meno invasiva, simile ad una normale donazione di sangue. Oppure, e questo è un messaggio per i genitori di domani come me, si può fare molto donando il cordone ombelicale del proprio bambino: una vita che genera altra vita, non è fantastico?


  • Share Post
X